Archive for the Sturm und Drang Category

http://it.youtube.com/watch?v=l0FbIDuugLY&feature=user

Posted in Sturm und Drang with tags , , on giugno 6, 2008 by paceesalute

Never is a promise – Fiona Apple

You’ll never see the courage I know
It’s colors richness won’t appear within your view
I’ll never glow – the way that you glow
Your presence dominates the judgements made on you

But as the scenery grows, I see in different lights
The shades and shadows undulate in my perception
My feelings swell and stretch; I see from greater heights
I understand what I am still too proud to mention – to you

You’ll say you understand, but you don’t understand
You’ll say you’d never give up seeing eye to eye
But never is a promise, and you can’t afford to lie

You’ll never touch – these things that I hold
The skin of my emotions lies beneath my own
You’ll never feel the heat of this soul
My fever burns me deeper than I’ve ever shown – to you

You’ll say, don’t fear your dreams, it’s easier than it seems
You’ll say you’d never let me fall from hopes so high
But never is a promise and you can’t afford to lie

You’ll never live the life that I live
I’ll never live the life that wakes me in the night
You’ll never hear the message I give
You’ll say it looks as though I might give up this fight

But as the scenery grows, I see in different lights
The shades and shadows undulate in my perception
My feelings swell and stretch, I see from greater heights
I realize what I am now too smart to mention – to you

You’ll say you understand, you’ll never understand
I’ll say I’ll never wake up knowing how or why
I don’t know what to believe in, you don’t know who I am
You’ll say I need appeasing when I start to cry
But never is a promise and I’ll never need a lie

U Mazzeru

Posted in Sturm und Drang with tags , , , , , on aprile 8, 2008 by paceesalute

Esistono ancora in Corsica…..
Il Mazzero che conserva soprattutto l’aspetto psicopompo (funzione di accompagnare le anime dei morti nell’oltretomba) dello sciamano. Egli in alcune notti esce di casa e ammazza il primo aimale che gli capita davanti, domestico o selvatico, onde riuscire a vedere sul muso dell’animale il volto di colui che prossimamente morirà nella comunità . Questo per prepararsi ad accompagnare degnamente l’anima del futuro morto nell’aldilà. Ovviamente questa caratteristica faceva si che il mazzero fosse piuttosto inviso alla popolazione… come annunciatore di morte.
Inoltre i mazzeri corsi si riuniscono una volta all’anno in un luogo non specificato divedendosi in due fazioni a carattere geografico, e lottano a colpi di mazzi di asfodelo. La fazione che vincerà avrà meno morti nel proprio territorio.

Cursichella mia…

Posted in Sturm und Drang with tags , , , , on aprile 3, 2008 by paceesalute

b00005j93l01mzzzzzzz.jpg

In un scornu di lu mondu,
Ci hè un lucucciu tenerezza
Ind’u mio core, maestosu,
Imbalsama di purezza
Ghjuvellu di maraviglie,
Ùn ne circate sumiglie,
Ùn truverete la para ;
Ghjè ùnica, sola è cara.

Córsica.

Face sempre tant’inviglia
Ssu scogliu ciottu in mare,
Tesoru chì spampilla
Sacru cume un altare.
Calma, dolce cum’agnella,
Generosa è accugliente,
Si rivolta è si ribella
S’omu disprezza a so ghjente.

Córsica.

Duie parulle nant’à a lingua corsa

Posted in Sturm und Drang on aprile 1, 2008 by paceesalute

corsica106-1.jpg
Quando sono arrivato a Bastia, i primi tempi sono stato comunque un po’… piacevolmente sorpreso, direi. Ho parlato con un amico e ho detto: “Beh, mi face piacè perchè aghju vistu chì a ghjente parlanu corsu, ùn pensava micca, in Bastia ci n’hè parechji…”. M’hà dettu: “Ié, cun tè, parlanu corsu”; aghju dettu: “Cumu hé quessa?” .
Ellu parla bè corsu, hè di i mò tempi ma u parlava, ha dettu: “Iè, eo, s’ella ùnn hè cun tè ùn lu parlu mai..”. Aghju dettu: “Cumu hé què?”.
M’ha dettu: “Iè, a ghjente sanu chì tu sei prufessore di corsu, dunque quand’elli ti vedenu ti parlanu corsu”; aghju dettu: “Què po allora ci stà!”.
…è, unipochi ghjorni dopu, ghjunghja custì in u casale è aghju trovu unepochi di ghjente, custì, davanti à l’ascensore, è parlavanu francese, quandu so ghjuntu l’aghju intesi… M’anu vistu affaccà: “Ah! U nostru prufessore di corsu chì ghjunghje, u nostru giuvanottu…”. E po dopu mi sò avvistu [chì] intr’à d’elli cuntinuavanu à parlà francese è cun mè parlavanu corsu; m’hà ancu fattu a vergogna! Aghju dettu: ma pussibule, ùn sò micca un paisanu, eo… un paisanone vogliu di’ ùn so’ micca… è mi s’ho avvistu chì ghjera vera, a ghjente parlanu francese… quelli chì sanu parlà corsu parlanu francese è po’, quand’elli mi vedenu à mè: “Ah!”, dicenu subitu, “U nostru prufessore di corsu chì ghjunghje, u giuvanottu…”.
Mi ha fatto anche un po’ di… non so… quasi vergogna, sì, perché mi sembrava di esser ritenuto un po’ il contadino, quello della montagna, che scendeva… […].
—-
Vogliu vene à di’chì, soprattuttu per i giovani, di a mò età, di i mò tempi, [u corsu] più nimu u parla. Quand’è tu ghjunghji in un cummerciu, à cumprà u pane, quand’è tu vedi chì a ghjente u sanu parlà bè, dici duie parulle, cappi duie parulle di corsu subitu: “Ah! Ma cum’è vo’ parlate bè…” …soprattuttu eo chi’ u parlu… quantunque provu à parlallu abastanza à l’antica… allora subitu… è po tutti, ancu puru i giovani, perché… anche qua c’è un paradosso; i giovani non sanno parlarlo e non lo capiscono però… vorrebbero saper parlarlo…
—-
Cù i mo cullega, cun quelli di i mio tempi, i mo amichi, quand’è tu… s’o li dumandu cusì: “Tù u parli u corsu?” – quand’è tu faci cunniscenza cù qualchissia – “Sai parlà corsu?”. “Iè, appena…”, bon, te lo dicono in francese, eh, ovviamente: “Oui, un peu… avec ma grand-mère… avec mon grand-père…”; poi (ho già fatto l’esperienza varie volte) dicu, ùn à so, un’espressione corsa, un pruverbiu, dicu duie parulle… subitu: “Comment?”. Perché quando [dici]… ovviamente: “chjodi a porta, cumu ti chjami, chì tempu face”: tutti capiscono questo tipo di discorsi, però, quando sali ad un livello un po’ più… cioè, con delle espressioni, delle cose un po’ più complicate, non capisce più nessuno…

Il mar Napoli

Posted in Sturm und Drang with tags , , , , , on marzo 20, 2008 by paceesalute

t_vesuvio_tramonto.jpg

Camminare Napoli insieme, in silenzio, attraversarla quasi senza farsi notare. Quasi.
Risalire verso San Martino con ancora l’odore del mare addosso. Mare grosso e scuro oggi anche se, ti ricordi?, quella pennellata di sole a metà giornata gli ha rifatto il trucco.
Il mare di Napoli, abituato da secoli a vedere morire e morire davvero questa città ogni sera e vederla rinascere e rinascere davvero ogni mattina.
Il mare di Napoli, quartiere liquido della città, tenuto separato dai quartieri solidi soltanto grazie all’esperta opera di decantazione notturna compiuta dal Demone del Golfo. Decantato come un buon vino vecchio da cui aspettarsi qualcosa.
Ché altrimenti il confine, già incerto, si assottiglierebbe sempre più, sfumerebbe in un enorme bagnasciuga.
Il mare di Napoli, stanco di guardare da fuori, andrebbe a visitare la città, i quartieri spagnoli ed il Vomero, entrerebbe nei vicoli, pei viali nelle chiese nei commissariati nei bassi. E poi un caffè, una sfogliatella, la passeggiata a Posillipo, la funicolare e la pizza. Due, dieci, cento pizze, ché il mare ha fame vorace e buona digestione.
Digerisce tutto il mare.
E così non sarebbe più il mare di Napoli, ma il mare con Napoli, su Napoli, fra Napoli, per Napoli, da Napoli, in Napoli.
Il Mar Napoli, inquinato e pescoso di tutto. Con a guardia, tranquillo come un iceberg di fuoco, il Vesuvio.

Toujours!

Posted in Sturm und Drang with tags , , , , on marzo 7, 2008 by paceesalute

134.jpg
Aspettami

domani partirò
per una terra a me lontana 
un anno ancora 
per vedere i tuoi colori 
un anno ancora 
per poter sentire 
i tuoi profumi
i tuoi suoni

aspettami Corsica
perché io per te
sempre ritornerò . . . 
in portu nuvellu 
cì hè una nave chì va
un core gemellu 
un sogno un andà 
un ricordu niellu
più d’una alma chì sà
aspettami Corsica

cì hè sempre un fratellu
chì cerca un amà 
appesu à l’anellu 
un abracciu à dà
in portu nuvellu 
cì hè una nave chì và
aspettami Corsica